venerdì 25 luglio 2014

#Bollettino #epidemiologico #WestNile Disease - 21 luglio 2014, n. 1 (IZS Teramo, 25/7/14, estratto)

[Fonte: Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Teramo, documento PDF completo: (LINK). Estratto.]

Bollettino epidemiologico WND - 21 luglio 2014, n. 1

 

1) Introduzione

Ai sensi del Decreto del Ministero della Salute del 3 giugno 2014 «Procedure operative di intervento e flussi informativi nell'ambito del Piano di sorveglianza nazionale per la Encefalomielite di tipo West Nile (West Nile Disease), anno 2014» (GU Serie Generale n.165 del 18-7-2014), la sorveglianza nei confronti della West Nile Disease (WND) si basa sulle seguenti componenti:

  1. sorveglianza su uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio. In caso di mancato raggiungimento del 50% delle attività previste, è possibile, in alternativa, attuare la sorveglianza su allevamenti avicoli rurali o all’aperto o tramite il posizionamento di gruppi di polli sentinella;
  2. sorveglianza negli equidi;
  3. sorveglianza entomologica;
  4. sorveglianza su carcasse di uccelli selvatici.

Le modalità di attuazione delle 4 componenti differiscono a seconda della situazione epidemiologica riscontrata. Per il 2014 sono state individuate 2 aree geografiche distinte:

  • A. Aree endemiche.
    • Il territorio dove il WNV sta circolando o ha circolato nel corso degli anni precedenti e dove, quindi, si sono ripetutamente osservati episodi di infezione, nonché le aree limitrofe o subito a ridosso delle stesse:
      • Italia continentale: aree già interessate dalla circolazione virale,
      • Italia insulare: regione Sardegna e Sicilia.
  • B. Resto del territorio nazionale.

La sorveglianza nelle aree endemiche deve essere attuata tramite:

  • il controllo su uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio, o in alternativa su allevamenti avicoli rurali o all’aperto oppure su gruppi di polli sentinella appositamente allestiti,
  • la sorveglianza entomologica. Le attività di sorveglianza nel resto del territorio nazionale prevedono:
  • il monitoraggio sierologico a campione su sieri di cavalli per rilevare la presenza di IgM.

Al fine di completare le informazioni epidemiologiche rappresentative per tutto il territorio di competenza, le Regioni possono effettuare, previa formalizzazione al Ministero e in accordo con il CESME, un monitoraggio sierologico a campione sui sieri di bovini ed ovi-caprini prelevati come sentinelle nell’ambito del piano di sorveglianza sierologica della bluetongue, oppure su altre specie animali (ad es. cani in aree urbane).

Su tutto il territorio nazionale, inoltre, è obbligatoria la notifica immediata di tutti i casi sospetti di sintomatologia nervosa negli Equidi e di tutti gli episodi di mortalità in uccelli selvatici non riferibili ad altre patologie infettive.

 

2) Situazione epidemiologica: Uomo, Animali

Al 21/07/2014 non sono stati segnalati casi nell’uomo.

Fonte: Reparto di Epidemiologia delle malattie infettive (Cnesps-Iss), con il contributo del Dipartimento di Malattie infettive parassitarie immunomediate (Mipi) dell’Istituto superiore di sanità, e con il coordinamento dell’Ufficio V della Direzione Generale della Prevenzione del Ministero della Salute: http://www.epicentro.iss.it/problemi/westNile/bollettino.asp

Al 21/07/2014 il Centro di Referenza Nazionale per lo Studio delle Malattie Esotiche (CESME) ha confermato positività su:

  • organi di un uccello stanziale appartenente a specie bersaglio nella regione Emilia Romagna;
  • 2 pool di zanzare, distribuiti nelle regioni Lombardia ed Emilia Romagna;
  • un avicolo rurale nella regione Sicilia. Le analisi condotte nell’ambito della sorveglianza entomologica e ornitologica, hanno confermato la circolazione del lineage 2. Per maggior informazioni si rimanda ai paragrafi di dettaglio.

 

3) Sorveglianza equidi

Al 21/07/2014 nessuna positività è stata confermata

 

4) Sorveglianza su uccelli bersaglio

La sorveglianza sugli uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio è effettuata per evidenziare precocemente la circolazione virale.

Appartengono alle specie bersaglio:

  • Gazza (Pica pica)
  • Cornacchia grigia (Corvus corone cornix)
  • Ghiandaia (Garrulus glandarius)

Al 21/07/2014 il CESME ha confermato una positività alla PCR per WND, su organi di una cornacchia catturate nella regione Emilia Romagna. Le analisi condotte hanno dimostrato l’appartenenza del ceppo virale al Lineage 2.

(...)

 

5) Sorveglianza avicoli

Al 21/07/2014 il CESME ha confermato la positività in un pollo di un allevamento avicolo rurale in Sicilia.

(...)

 

6) Sorveglianza entomologica

L’attività entomologica ha lo scopo di rilevare precocemente la circolazione virale.

Al 21/07/2014 la presenza del genoma virale è stata confermata mediante PCR per WND in un pool di zanzare catturate nella regione Lombardia. Le analisi condotte hanno dimostrato l’appartenenza del ceppo virale al WNDlineage 2 nelle province coinvolte da positività entomologiche.

(...)

 

7) Sorveglianza su carcasse di uccelli selvatici

Al 21/07/2014 nessuna positività è stata confermata dal CESME.

 

8) Monitoraggio sierologico su sieri di bovini e ovi-caprini o su altre specie animali

Al 21/07/2014 nessuna positività è stata confermata dal CESME.

 

9 Definizione di caso negli equidi

La definizione di caso sospetto di WND è stabilita dall’Ordinanza del 4 agosto 2011: “Equide che, nel periodo di attività dei vettori, presenta atassia locomotoria o morte improvvisa in zona a rischio oppure almeno due dei seguenti sintomi:

  • movimenti in circolo;
  • incapacità a mantenere la stazione quadrupedale;
  • paralisi/paresi agli arti;
  • fascicolazioni muscolari;
  • deficit propriocettivi.

Tali sintomi possono essere accompagnati da:

  • debolezza degli arti posteriori;
  • cecità;
  • ptosi del labbro inferiore, o paresi dei muscoli labiali o facciali;
  • digrignamento dei denti.

Deve essere considerato come sospetto di encefalomielite di tipo West Nile anche un risultato sierologico positivo in assenza di sintomatologia clinica.

 

Conferma del sospetto

La conferma del sospetto diagnostico avviene quando i campioni prelevati dall’equide sospetto risultano positivi ad un esame di laboratorio di conferma effettuato dal CESME.

-

-------

#Italia, #Ondate di #Caldo, #aggiornamento del 25/7/14 (Min. Salute, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, pagina originale: (LINK).]

Ultima versione aggiornata: 25/07/2014

______

Legenda:  I  Livello 0 -  II  Livello 1 -  III  Livello 2 -  IV  Livello 3

[Citta' - 25/07/2014 - 26/07/2014 - 27/07/2014]

  1. ANCONA -   I  -   II  -   I 
  2. BARI -   I  -   II  -   II 
  3. BOLOGNA* -   I  -   I  -   I 
  4. BOLZANO -   II  -   I  -   I 
  5. BRESCIA -   I  -   I  -   I 
  6. CAGLIARI -   I  -   II  -   II 
  7. CAMPOBASSO -   I  -   I  -   I 
  8. CATANIA -   I  -   II  -   II 
  9. CIVITAVECCHIA -   I  -   I  -   I 
  10. FIRENZE -   I  -   I  -   I 
  11. FROSINONE -   I  -   I  -   I 
  12. GENOVA -   I  -   I  -   I 
  13. LATINA -   I  -   I  -   I 
  14. MESSINA -   I  -   I  -   II 
  15. MILANO -   I  -   I  -   I 
  16. NAPOLI -   I  -   I  -   I 
  17. PALERMO -   II  -   III  -   II 
  18. PERUGIA -   II  -   II  -   II 
  19. PESCARA -   I  -   II  -   I 
  20. REGGIO CALABRIA -   I  -   II  -   II 
  21. RIETI -   I  -   I  -   I 
  22. ROMA -   I  -   I  -   I 
  23. TORINO** -   I  -   I  -   I 
  24. TRIESTE -   I  -   I  -   I 
  25. VENEZIA -   I  -   I  -   I 
  26. VERONA -   I  -   I  -   I 
  27. VITERBO -   I  -   I  -   I 

______

* bollettino emesso a cura dell'ARPA Emilia-Romagna

** bollettino emesso a cura dell'ARPA Piemonte. I dati di Torino verranno aggiornati dopo le ore 15.00 del giorno corrente

-

-------

giovedì 24 luglio 2014

#Community #Guide: nuove #raccomandazioni sulle #vaccinazioni (#EpiCentro, 24 luglio 2014)

[Fonte: EpiCentro, pagina originale: (LINK).]

24 luglio 2014

Community Guide: nuove raccomandazioni sulle vaccinazioni

Una recente revisione sistematica della letteratura effettuata dalla Community Preventive Services Task Force ha fornito forti evidenze di efficacia dei sistemi informativi vaccinali (anagrafi vaccinali) nell’aumentare i tassi di copertura vaccinale (Cv) nella popolazione.

La revisione sistematica ha incluso 108 articoli e 132 abstract congressuali.

I risultati indicano che le anagrafi vaccinali sono efficaci nell’aumentare le Cv e ridurre le malattie prevenibili da vaccino attraverso la loro capacità di creare o supportare interventi efficaci come la chiamata attiva, supportare in maniera efficace le decisioni degli operatori e sistemi sanitari e le risposte di sanità pubblica in occasione di epidemie di malattie prevenibili da vaccinazione, valutare le Cv e le mancate opportunità di vaccinazione, individuare le disparità nelle coperture vaccinali e facilitare la gestione e l’”accountability” dei vaccini.

Per maggiori dettagli consultare i risultati della revisione sistematica e le raccomandazioni della Community Task Force, pubblicati sul Journal of Public Health Management and Practice: “Immunization information systems to increase vaccination rates: a Community Guide systematic review” (pdf 441 kb), “Economic review of immunization information systems to increase vaccination rates: a Community Guide systematic review” (pdf 177 kb), “Recommendation for use of immunization information systems to increase vaccination rates” (pdf 116 kb) e “Immunization information systems (Editorial)” (pdf 49 kb).

-

-------

#Piano #caldo 2014: le #iniziative locali (#EpiCentro, 24 luglio 2014)

[Fonte: EpiCentro, pagina originale: (LINK).]

Piano caldo 2014: le iniziative locali

24 luglio 2014 

EpiCentro propone una rassegna delle iniziative avviate a livello locale per contrastare gli effetti sulla salute delle ondate di calore. Per segnalare attività, prodotti e link utili è possibile scrivere alla redazione.

Per la Provincia autonoma di Bolzano, come di consueto, il Comune propone l’iniziativa “Un’estate da brivido” con informazioni utili per proteggersi dalle ondate di calore, l’elenco dei centri climatizzati a disposizione della popolazione ultra 75enne e l’attivazione del numero verde 800.00.18.00.

In Emilia-Romagna, la Regione ha disposto per l'estate 2013 le linee guida (pdf 202 kb) per l'assistenza alle persone che più risentono delle ondate di calore. Inoltre, su tutto il territorio regionale è già operativo il sistema di previsione del disagio bioclimatico gestito dai Servizi idrometeorologico e di epidemiologia ambientale dell’Arpa. Il sistema è in grado di prevedere, con 72 ore di anticipo, le eventuali ondate di calore.

È attivo dal 15 giugno al 15 settembre il Piano della Regione Lazio contro le ondate di calore per sostenere le fasce più deboli, in particolare le persone anziane.

In Liguria, Arpal e Protezione civile pubblicano quotidianamente i bollettini metereologici con la segnalazione dei livelli di rischio per il territorio regionale.

Come ogni anno, la Regione Lombardia, promuove la campagna “Solo il bello del caldo” (pdf 1,9 Mb) che fornisce informazioni utili sulle modalità di esposizione al sole più sicure e sugli atteggiamenti maggiormente adatti alle giornate di calore. Su sito della Regione sono disponibili anche le “indicazioni per la gestione di emergenze in caso di elevate temperature ambientali” (pdf 40 kb). Inoltre, l’Arpa regionale diffonde quotidianamente i “Bollettini disagio da calore in Lombardia - Humidex”.

L’Azienda sanitaria unica regionale delle Marche dedica agli anziani, alle loro famiglie e a chi si occupa di loro, il Progetto Helios, un servizio gratuito di assistenza telefonica domiciliare che assicura agli anziani soli tutela e monitoraggio delle condizioni di salute. Il numero 800.45.00.20 è attivo tutti i giorni nell’orario 9-19 sino a settembre. Per aderire è necessario scaricare il modulo (pdf 34 kb) e consegnarlo al proprio medico o al distretto Sanitario di appartenenza. Nel sito sono inoltre disponibili le raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa in italiano, inglese, spagnolo, rumeno, russo e polacco, le informazioni sulle ondate di calore, i consigli per viaggiare sicuri, le indicazioni per utilizzare al meglio gli impianti di aria condizionale e le raccomandazioni per il personale delle strutture che ospitano anziani non autosufficienti. La Protezione civile delle Marche fornisce il bollettino biometereologico regionale e quello sulle ondate di calore nella città di Ancona.

In Sardegna, l’assessorato regionale del Turismo promuove l’iniziativa “Sicuri in barca/sicuri al mare in Sardegna” per godere appieno del mare nel rispetto dell’ambiente.

La Regione Sicilia, tra il 16 maggio e il 15 settembre, mette a disposizione dei cittadini il bollettino sulle ondate di calore, dal livello 0 (condizioni non a rischio) a livello 3 (ondate di calore) per le città di Palermo, Catania e Messina. .

Si chiama Estate anziani ed è una pagina del portale web della Regione Toscana interamente dedicata ai consigli per la popolazione anziana. Attivo anche il servizio Biometeo che informa la popolazione sul meteo della propria città, sulle ricadute delle temperature sulla salute, e offre consigli sull’abbigliamento adatto alla stagione estiva.

Nella Provincia autonoma di Trento vengono potenziati i servizi dedicati agli anziani ed è attiva l’iniziativa “Persone Insieme per gli Anziani”, che garantisce l’assistenza agli anziani in difficoltà attraverso il numero verde 800.29.21.21 e fornisce informazioni sulle attività organizzate nei centri anziani della città.

In Veneto, la Protezione civile fornisce indicazioni quotidiane sulle temperature regionali.

Sul sito della Regione Umbria sono disponibili numerose informazioni per gli anziani.

Nella Regione Valle d’Aosta, la pagina “Cosa devo fare in caso di ondate di calore” fornisce consigli utili alla popolazione.

-

-------

mercoledì 23 luglio 2014

#Poliomielite in #Guinea Equatoriale, #aggiornamento del 17/7/14 (Min. Salute / #OMS, 23/7/14, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, documento PDF originale: (LINK). Basato su testo in Inglese pubblicato sul sito web dell’OMS. Adattato.]

0020692-23/07/2014-DGPRE-COD_UO-P

MINISTERO DELLA SALUTE, DIPARTIMENTO DELLA SANITA’ PUBBLICA E DELL’INNOVAZIONE, DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE, UFFICIO V –MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE

OGGETTO: AGGIORNAMENTO SULLA POLIOMIELITE IN Guinea Equatoriale – Aggiornamento 17 Luglio 2014

A partire dal 16 Luglio, la Guinea Equatoriale ha riportato un totale di 5 casi di poliomielite da Poliovirus Tipo 1 (WPV1), con insorgenza delle paralisi tra il 28 gennaio (primo caso) e il 3 Maggio (caso più recente).

La sequenza genetica ha evidenziato che i casi sono collegati all’epidemia in corso in Camerun.

Il Ministero della Salute con agenzie partner hanno sviluppato un piano di azione di emergenza nazionale per far fronte all’epidemia, in corso di attuazione.

A livello nazionale sono state condotte tre campagne con vaccino antipolio orale bivalente (bOPV) – due delle quali nel mese di aprile e inizio maggio, destinate ai bambini al di sotto di 15 anni, e una a fine maggio, avente come target bambini al di sotto dei 5 anni.

A livello nazionale sono previste due campagne bOPV per la metà di luglio e la metà di agosto; la prima riguarda l’intera popolazione, mentre l’altra è rivolta ai bambini sotto i 15 anni.

Come indicato nel Bollettino degli Eventi Epidemici, pubblicato il 25 giugno 2014, il Brasile ha riferito, il 18 giugno, che Poliovirus Tipo 1 (WPV1) è stato rilevato in un campione di acque reflue prelevate nel marzo 2014 all’aeroporto internazionale di Viracopos nello Stato di San Paolo, la cui sequenza genetica ha evidenziato un collegamento all’epidemia in corso in Guinea Equatoriale.

Ad oggi in Brasile nessun altro campione è risultato positivo, né sono stati rilevati casi di poliomielite.

Secondo il Regolamento Sanitario Internazionale (IHR), le raccomandazioni temporanee emanate dal Direttore Generale dell’OMS del 5 maggio 2014, la Guinea Equatoriale è classificata come un Paese che attualmente sta esportando virus polio.

Il Paese sta lavorando per assicurare che tutti i residenti e i visitatori di lunga durata (>4 settimane), che viaggiano a livello internazionale, ricevano una dose supplementare di vaccino antipolio tra le 4 settimane e i 12 mesi prima della partenza.

______

Sig.ra Rapiti Alessia / Sig.ra Bruscolotti Arianna / IL DIRETTORE DELL’UFFICIO V, * F.to Maria Grazia Pompa, *“firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del d. Lgs. N. 39/1993”

-

--------

#Italia, #Ondate di #Caldo, #aggiornamento del 23/7/14 (Min. Salute, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, pagina originale: (LINK). Adattato.]

Ultima versione aggiornata: 23/07/2014

______

Legenda:  I  Livello 0 -  II  Livello 1 -  III  Livello 2 -  IV  Livello 3

[Citta' - 23/07/2014 - 24/07/2014 - 25/07/2014]

  1. ANCONA -   I  -   I  -   I 
  2. BARI -   I  -   I  -   I 
  3. BOLOGNA* -   I  -   I  -   I 
  4. BOLZANO -   II  -   I  -   I 
  5. BRESCIA -   I  -   I  -   I 
  6. CAGLIARI -   I  -   I  -   I 
  7. CAMPOBASSO -   I  -   I  -   I 
  8. CATANIA -   I  -   I  -   I 
  9. CIVITAVECCHIA -   I  -   I  -   I 
  10. FIRENZE -   I  -   I  -   I 
  11. FROSINONE -   I  -   I  -   I 
  12. GENOVA -   I  -   I  -   I 
  13. LATINA -   I  -   I  -   I 
  14. MESSINA -   I  -   I  -   I 
  15. MILANO -   I  -   I  -   I 
  16. NAPOLI -   I  -   I  -   I 
  17. PALERMO -   I  -   I  -   I 
  18. PERUGIA -   I  -   I  -   I 
  19. PESCARA -   I  -   I  -   I 
  20. REGGIO CALABRIA -   I  -   I  -   I 
  21. RIETI -   I  -   I  -   I 
  22. ROMA -   I  -   I  -   I 
  23. TORINO** -   I  -   I  -   I 
  24. TRIESTE -   I  -   I  -   I 
  25. VENEZIA -   I  -   I  -   I 
  26. VERONA -   I  -   I  -   I 
  27. VITERBO -   I  -   I  -   I 

______

* bollettino emesso a cura dell'ARPA Emilia-Romagna

** bollettino emesso a cura dell'ARPA Piemonte. I dati di Torino verranno aggiornati dopo le ore 15.00 del giorno corrente

-

-------

#Malattia da virus #Ebola, #Africa Occidentale – #aggiornamento 19 luglio 2014 (Min. Salute / OMS, 23/7/14, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, documento PDF completo: (LINK). Adattato.]

0020618-23/07/2014-DGPRE-COD_UO-P

MINISTERO DELLA SALUTE, DIPARTIMENTO DELLA SANITA’ PUBBLICA E DELL’INNOVAZIONE, DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE, UFFICIO V –MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE

OGGETTO: Malattia da virus Ebola, Africa Occidentale – aggiornamento 19 luglio 2014

L’OMS continua a monitorare l’evoluzione della malattia da virus ebola (EVD) in Sierra Leone, Liberia e Guinea.

L’attuale tendenza dell’epidemia di EVD in Sierra Leone e Liberia desta ancora preoccupazione, con 67 nuovi casi e 19 decessi riportati tra il 15 e il 17 Luglio 2014.

Questi includono casi sospetti, probabili e confermati.

L’EVD in Guinea continua a mostrare un calo, con nessun nuovo caso riportato durante questo periodo. E’ in corso un’analisi per sviluppare piani operativi nazionali prioritari. L’effettiva attuazione dei piani sarà fondamentale per invertire l’attuale tendenza di epidemia di EVD, soprattutto in Liberia e Sierra Leone.

 

Risposta dell’OMS

L’OMS sta lavorando con le autorità nazionali nei Paesi colpiti, per analizzare la situazione e individuare una risposta all’attuale epidemia. Una valutazione condotta in Liberia ha evidenziato diverse carenze e sfide.

Alcune delle lacune individuate includono una bassa copertura nella ricerca di contatti; persistente rifiuto e resistenza nella comunità; debole gestione dei dati; inadeguata prevenzione delle infezioni e controllo dei casi, in particolare nelle strutture sanitarie periferiche; nonché, a livello sub – nazionale, una leadership e un coordinamento deboli. Al non superamento di queste sfide contribuiscono limitate risorse finanziarie e capacità tecnica umana.

Una mappatura completa delle esigenze finanziarie, logistiche e di risorse umane, sarà articolata in un piano operativo nazionale, in fase di sviluppo. La formulazione di piani operativi prioritari è in corso in Guinea e Sierra Leone. In seguito alla richiesta di collaborazione, durante il meeting ministeriale tenutosi ad Accra, il Governo e il Ministero della Salute del Gambia hanno fornito un team di 11 operatori sanitari per sostenere la risposta all’epidemia in Sierra Leone. Questo team contribuirà, da una parte, a supportare il bisogno di risorse umane, la missione, d’altra parte, sarà fondamentale per sviluppare le capacità di preparazione e risposta alle epidemie del Gambia. Questa missione è sostenuta da UNDP - Programma Di Sviluppo Delle Nazioni Unite, Gambia, Sierra leone e OMS.

Attualmente, nei tre Paesi, sono in corso impegni per migliorare e rafforzare tutti gli effetti della risposta all’epidemia, inclusi la ricerca dei contatti, informazione pubblica e la mobilitazione della comunità, la gestione dei casi e il coordinamento della prevenzione e del controllo delle infezioni.

L’OMS non raccomanda nessuna restrizione per viaggi turistici o commerciali per la Guinea, Liberia e Sierra Leone, sulla base delle attuali informazioni.

 

Aggiornamenti

Nei tre Paesi dell’Africa occidentale, Guinea, Liberia e Sierra Leone, continuano ad essere segnalati, dai Ministeri della sanità, nuovi casi e decessi attribuiti all’epidemia EVD.

Tra il 15 e il 17 Luglio 2014, 67 nuovi casi e 19 decessi, sono stati segnalati dai tre Paesi come segue:

  • Guinea
    • 0 nuovi casi e
    • 0 decessi;
  • Liberia
    • 22 nuovi casi con
    • 10 decessi;
  • Sierra Leone
    • 45 nuovi casi e
    • 9 decessi.

Questi numeri includono casi sospetti, probabili e confermati.

Il numero cumulativo dei casi attribuito a EVD nei tre Paesi e pari a 1048, tra cui 632 decessi.

La distribuzione e la classificazione dei casi sono i seguenti:

  • Guinea
    • 410 casi
      • 301 confermati
      • 95 probabili
      • 14 sospetti
    • 310 decessi
      • 203 confermati
      • 95 probabili
      • 12 sospetti
  • Liberia
    • 196 casi
      • 76 confermati
      • 56 probabili
      • 64 sospetti
    • 116 decessi
      • 54 confermati
      • 40 probabili
      • 22 sospetti
  • Sierra Leone
    • 442 casi
      • 368 confermati
      • 48 probabili
      • 26 sospetti
    • 206 decessi
      • 165 confermati
      • 35 probabili
      • 6 sospetti

_______

[Nuovi (1) – Confermati – Probabili – Sospetti – Totale per Paese]

  • Guinea
    • Casi – 0 – 301 – 95 – 14 – 410
    • Decessi – 0 – 203 – 95 – 12 – 310
  • Liberia
    • Casi  - 22 – 76 – 56 – 64 – 196
    • Decessi – 10 – 54 – 40 – 22 – 116
  • Sierra Leone
    • Casi – 45 – 368 – 48 – 26 – 442
    • Decessi – 9 – 165 – 35 – 6 – 206
  • Totali
    • Casi – 67 – 745 – 199 – 104 – 1048
    • Decessi – 19 – 422 – 170 – 40 – 632

______

Sig.ra Alessia Rapiti / Sig.ra Arianna Bruscolotti / IL DIRETTORE DELL’UFFICIO V, * F.to Maria Grazia Pompa, *“firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del d. Lgs. N. 39/1993”

-

-------