sabato 30 agosto 2014

La fine è, nonostante tutto, la fine!

 

 

CHIUSO

 

 

Già. E’ così. Che si voglia o no, a un certo punto un cartello con la scritta ‘’CHIUSO’’ apparirà davanti alla vostra porta.

Così, dopo dieci anni di attività, Attraverso questi giorni (e il suo fratello maggiore ‘’A TIMES’ MEMORY’’) chiude.

Non mi resta da aggiungere altro, rispetto a quanto detto nel post di chisura di ‘’ATM’’, se non inviare ai miei (pochi) lettore un cordiale:

 

MARAMEO!

 

 

_________

venerdì 29 agosto 2014

#Bollettino #epidemiologico #Malattia da #WestNile Virus, 25 agosto2014, n. 4 (IZS Teramo, 29/8/14, estratto)

[Fonte: Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Teramo, documento PDF completo: (LINK). Estratto.]

Bollettino epidemiologico WND, 25 agosto2014, n. 4

 

1-Introduzione

Ai sensi del Decreto del Ministero della Salute del 3 giugno 2014 «Procedure operative di intervento e flussi informativi nell'ambito del Piano di sorveglianza nazionale per la Encefalomielite di tipo West Nile (West Nile Disease), anno 2014» (GU Serie Generale n.165 del 18-7-2014), la sorveglianza nei confronti della West Nile Disease (WND) si basa sulle seguenti componenti:

  1. sorveglianza su uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio. In caso di mancato raggiungimento del 50% delle attività previste, è possibile, in alternativa, attuare la sorveglianza su allevamenti avicoli rurali o all’aperto o tramite il posizionamento di gruppi di polli sentinella;
  2. sorveglianza negli equidi;
  3. sorveglianza entomologica;
  4. sorveglianza su carcasse di uccelli selvatici.

Le modalità di attuazione delle 4 componenti differiscono a seconda della situazione epidemiologica riscontrata. Per il 2014 sono state individuate 2 aree geografiche distinte:

  • A. Aree endemiche. Il territorio dove il WNV sta circolando o ha circolato nel corso degli anni precedenti e dove, quindi, si sono ripetutamente osservati episodi di infezione, nonché le aree limitrofe o subito a ridosso delle stesse:
    • Italia continentale: aree già interessate dalla circolazione virale,
    • Italia insulare: regione Sardegna e Sicilia.
  • B. Resto del territorio nazionale.

La sorveglianza nelle aree endemiche deve essere attuata tramite:

  • il controllo su uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio, o in alternativa su allevamenti avicoli rurali o all’aperto oppure su gruppi di polli sentinella appositamente allestiti,
  • la sorveglianza entomologica.

Le attività di sorveglianza nel resto del territorio nazionale prevedono:

  • il monitoraggio sierologico a campione su sieri di cavalli per rilevare la presenza di IgM. Al fine di completare le informazioni epidemiologiche rappresentative per tutto il territorio di competenza, le Regioni possono effettuare, previa formalizzazione al Ministero e in accordo con il CESME, un monitoraggio sierologico a campione sui sieri di bovini ed ovi-caprini prelevati come sentinelle nell’ambito del piano di sorveglianza sierologica della bluetongue, oppure su altre specie animali (ad es. cani in aree urbane).
  • Su tutto il territorio nazionale, inoltre, è obbligatoria la notifica immediata di tutti i casi sospetti di sintomatologia nervosa negli Equidi e di tutti gli episodi di mortalità in uccelli selvatici non riferibili ad altre patologie infettive.

 

2-Situazione epidemiologica: Uomo, Animali

Al 25/08/2014 non sono stati segnalati casi nell’uomo.

(…)

Al 25/08/2014 il Centro di Referenza Nazionale per lo Studio delle Malattie Esotiche (CESME) ha confermato positività su:

  • organi di 9 uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio nella regione Emilia Romagna e Lombardia;
  • 19 pool di zanzare, distribuiti nelle regioni Lombardia, Emilia Romagna e Veneto;
  • un avicolo rurale nella regione Sicilia.

Le analisi condotte nell’ambito della sorveglianza entomologica e ornitologica, hanno confermato la circolazione del lineage 2. Per maggior informazioni si rimanda ai paragrafi di dettaglio.

 

3-Sorveglianza equidi

Al 25/08/2014 nessuna positività è stata confermata.

 

4-Sorveglianza su uccelli bersaglio

La sorveglianza sugli uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio è effettuata per evidenziare precocemente la circolazione virale.

Appartengono alle specie bersaglio:

  • Gazza (Pica pica)
  • Cornacchia grigia (Corvus corone cornix)
  • Ghiandaia (Garrulus glandarius)

Al 25/08/2014 il CESME ha confermato tre positività alla PCR per WND, su organi di 6 cornacchie e 3 gazze catturate nelle regioni Emilia Romagna e Lombardia. Le analisi condotte hanno dimostrato l’appartenenza del ceppo virale al Lineage 2.

(...)

 

5-Sorveglianza avicoli

Al 25/08/2014 il CESME ha confermato la positività in un pollo di un allevamento avicolo rurale in Sicilia.

 

6-Sorveglianza entomologica

L’attività entomologica ha lo scopo di rilevare precocemente la circolazione virale.

Al 25/08/2014 la presenza del genoma virale è stata confermata mediante PCR per WND in 19 pool di zanzare catturati nelle regioni Lombardia, Emilia Romagna e Veneto.

Le analisi condotte hanno dimostrato l’appartenenza del ceppo virale al WNDlineage 2 nelle province coinvolte da positività entomologiche.

(...)

 

7-Sorveglianza su carcasse di uccelli selvatici

Al 25/08/2014 nessuna positività è stata confermata dal CESME.

 

8-Monitoraggio sierologico su sieri di bovini e ovi-caprini o su altre specie animali

Al 25/08/2014 nessuna positività è stata confermata dal CESME.

 

9-Definizione di caso negli equidi

La definizione di caso sospetto di WND è stabilita dall’Ordinanza del 4 agosto 2011: “Equide che, nel periodo di attività dei vettori, presenta atassia locomotoria o morte improvvisa in zona a rischio oppure almeno due dei seguenti sintomi:

  • movimenti in circolo;
  • incapacità a mantenere la stazione quadrupedale;
  • paralisi/paresi agli arti;
  • fascicolazioni muscolari;
  • deficit propriocettivi.

Tali sintomi possono essere accompagnati da:

  • debolezza degli arti posteriori;
  • cecità;
  • ptosi del labbro inferiore, o paresi dei muscoli labiali o facciali;
  • digrignamento dei denti.

Deve essere considerato come sospetto di encefalomielite di tipo West Nile anche un risultato sierologico positivo in assenza di sintomatologia clinica.

Conferma del sospetto:  La conferma del sospetto diagnostico avviene quando i campioni prelevati dall’equide sospetto risultano positivi ad un esame di laboratorio di conferma effettuato dal CESME.

-

--------

giovedì 28 agosto 2014

#Terremoto Magnitudo(Ml) 4–#LOMBARDIA – #BRESCIA, 28/08/2014 19:49:19 (italiana), 28/08/2014 17:49:19 (UTC) (#INGV–CNT, adattato)

[Fonte: Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, pagina completa: (LINK). Adattato.]

Terremoto Magnitudo(Ml) 4 - LOMBARDIA – BRESCIA, 28/08/2014 19:49:19 (italiana), 28/08/2014 17:49:19 (UTC)

 

  • Comunicato
    • Un terremoto di magnitudo(Ml) 4 è avvenuto alle ore 19:49:19 italiane del giorno 28/Ago/2014 (17:49:19 28/Ago/2014 - UTC).
    • Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico: Zona_Lago_di_Garda.
    • I valori delle coordinate ipocentrali e della magnitudo rappresentano la migliore stima con i dati a disposizione. Eventuali nuovi dati o analisi potrebbero far variare le stime attuali della localizzazione e della magnitudo.
  • Dati evento
    • Event-ID 4004130781
    • Magnitudo(Ml) 4
    • Data-Ora: 28/08/2014 alle 19:49:19 (italiane)  / 28/08/2014 alle 17:49:19 (UTC)
    • Coordinate 45.6708°N, 10.6995°E
    • Profondità 2.6 km
  • Distretto sismico Zona_Lago_di_Garda
  • Comuni entro i 10Km
    • GARGNANO (BS)
    • TIGNALE (BS)
    • TOSCOLANO-MADERNO (BS)
    • BRENZONE (VR)
    • COSTERMANO (VR)
    • GARDA (VR)
    • SAN ZENO DI MONTAGNA (VR)
    • TORRI DEL BENACO (VR)
  • Comuni tra 10 e 20km
    • CAPOVALLE (BS)
    • GARDONE RIVIERA (BS)
    • LIMONE SUL GARDA (BS)
    • MAGASA (BS)
    • MANERBA DEL GARDA (BS)
    • SALO' (BS)
    • SAN FELICE DEL BENACO (BS)
    • TREMOSINE (BS)
    • VALVESTINO (BS)
    • AFFI (VR)
    • BARDOLINO (VR)
    • BRENTINO BELLUNO (VR)
    • CAPRINO VERONESE (VR)
    • CAVAION VERONESE (VR)
    • DOLCE' (VR)
    • FERRARA DI MONTE BALDO (VR)
    • LAZISE (VR)
    • MALCESINE (VR)
    • RIVOLI VERONESE (VR)

Maggiori informazioni sismiche

(…)

-

--------

#Malattia da virus #Ebola, #Africa Occidentale – #aggiornamento 28 Agosto 2014 (Min. Salute / #OMS, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, documento PDF completo: (LINK). Basato su testo originale in Inglese pubblicato sul sito web dell’OMS. Adattato.]

0023703-28/08/2014-DGPRE-COD_UO-P

MINISTERO DELLA SALUTE, DIPARTIMENTO DELLA SANITA’ PUBBLICA E DELL’INNOVAZIONE, DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE, UFFICIO V –MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE

(...)

 

OGGETTO: Malattia da virus Ebola, Africa Occidentale – aggiornamento 28 Agosto 2014

 

Epidemiologia e sorveglianza

Il numero totale dei casi probabili e confermati, nell’attuale epidemia di Ebola, nei quattro Paesi, riportati dai rispettivi Ministeri della Salute di Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone, sono 3069, di cui 1552 decessi.

L’epidemia continua ad accelerare.

Più del 40% del totale dei casi si è manifestato negli ultimi 21 giorni. Comunque, la maggior parte dei casi sono concentrati solo in alcune località.

Il tasso di mortalità è del 52%, variando dal 42% in Sierra Leone al 66% in Guinea.

Una distinta epidemia da virus ebola, che non è correlata all’epidemia in Africa occidentale, è stata confermata il 26 agosto nella Repubblica Democratica del Congo (DRC) ed è descritta in un’edizione separata del Disease Outbreak News dell’OMS (e riportata nel comunicato del 28 agosto, prot. 23628).

 

Risposta settore Salute

Una piena comprensione dell’epidemia, che porterà ad una migliore risposta, richiede un’analisi dettaglia di dove la trasmissione sia in atto (per distretto) e di trend temporali. Quest’analisi è in corso.

I risultati preliminari mostrano che i casi sono ancora concentrati (62% di tutti i casi riportati dall’inizio dell’epidemia) nell’epicentro dell’epidemia in Gueckedou (Guinea), in Lofa (Liberia) dove i casi continuano ad aumentare, e in Kenema e Kailahun (Sierra Leone).

Le capitali destano particolare preoccupazione, a causa della densità di popolazione e delle ripercussioni per i viaggi ed il commercio.

L’OMS e i partner sono sul campo per istituire centri di trattamento dell’Ebola e rafforzare le capacità di analisi di laboratorio, ricerca dei contatti, mobilitazione sociale, sepolture sicure e assistenza sanitaria in generale.

L’OMS continua a monitorare le segnalazioni di casi sospetti provenienti da paesi di tutto il mondo, la cui verifica sistematica è in corso. I paesi sono incoraggiati a continuare ad impegnarsi nelle attività di sorveglianza e risposta.

Casi di EVD sono stati segnalati nella Repubblica Democratica del Congo. I casi in RDC non sono legati all’epidemia in corso in Africa occidentale.

Al di fuori dei quattro paesi dell’Africa occidentale e della Repubblica Democratica del Congo non stati confermati altri casi.

L’OMS non raccomanda restrizioni commerciali o a viaggi, tranne nei casi in cui un soggetto sia stato confermato o sia fortemente sospettato di essere affetto da EVD o abbia avuto contatti con casi di EVD (i contatti non includono operatori sanitari adeguatamente protetti e personale di laboratorio).

Le Raccomandazioni temporanee del comitato di emergenza relative alle azioni da intraprendere da parte dei Paesi possono essere consultate all’indirizzo: http://who.int/mediacentre/news/statements/2014/ebola-20140808/en/

 

Aggiornamenti

Il numero cumulativo dei casi attribuito a EVD nei quattro Paesi al 26 Agosto è pari a 3069, di cui 1552 decessi.

La distribuzione e la classificazione dei casi sono i seguenti:

  • Guinea, 647 casi (482 confermati, 141 probabili e 25 sospetti) e 430 decessi; Liberia, 1378 casi (322 confermati, 674 probabili e 382 sospetti) e 694 decessi; Sierra Leone, 1026 casi (935 confermati, 37 probabili, 54 sospetti) e 422 decessi; Nigeria, 17 casi (13confermati, 1 probabili e 3 sospetti) e 6 decessi.

 

Casi confermati, probabili e sospetti e decessi per malattia da virus Ebola in Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone al 26 agosto

[Confermati – Probabili – Sospetti – Totale]

  • Guinea
    • Casi – 482 – 141 – 25 – 648
    • Decessi – 287 – 141 – 2 – 430
  • Liberia
    • Casi – 322 – 674 – 382 – 1378
    • Decessi – 225 – 301 – 168 – 694
  • Nigeria
    • Casi – 13 – 1 – 3 – 17
    • Decessi – 5 – 1 – 0 – 6
  • Sierra Leone
    • Casi – 935 – 37 – 54 – 1026
    • Decessi – 380 – 34 – 8 – 422
  • Totale
    • Casi – 1752 – 853 – 464 – 3069
    • Decessi – 897 – 477 – 178 – 1552

_____

Nota: I casi sono classificati come:

  • confermati
    • ogni caso sospetto o probabile con risultato di laboratorio positivo;
  • probabili
    • ogni caso sospetto valutato da un medico, o
    • ogni caso sospetto deceduto, con link epidemiologico con un caso confermato, in cui non sia stato possibile raccogliere i campioni per la conferma di laboratorio;
  • sospetti
    • ogni persona, viva o morta, che presenti o abbia presentato all’improvviso febbre alta, e che abbia avuto un contatto con :
      • un caso sospetto, probabile o confermato di Ebola, o
      • con un animale morto o ammalato; oppure
    • ogni persona con comparsa improvvisa di febbre alta e almeno tre dei seguenti sintomi :
      • mal di testa, vomito, anoressia/perdita di appetito, diarrea, letargia ,dolori addominali, dolori muscolari o articolari, difficoltà alla deglutizione, difficoltà respiratorie, singhiozzo; oppure
    • ogni persona con sanguinamento inspiegabile; oppure
    • qualsiasi morte improvvisa inattesa.

_____

Sig.ra Alessia Rapiti / P. IL DIRETTORE DELL’UFFICIO V, * F.to Stefania Iannazzo, *“firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del d. Lgs. N. 39/1993”

-

-------

#Malattia da virus #Ebola, RD del #Congo – #aggiornamento 27 Agosto 2014 (#OMS, 28/8/14, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, documento PDF completo: (LINK). Basato su testo originale in Inglese pubblicato sul sito web dell’OMS. Adattato.]

0023628-28/08/2014-DGPRE-COD_UO-P

MINISTERO DELLA SALUTE, DIPARTIMENTO DELLA SANITA’ PUBBLICA E DELL’INNOVAZIONE, DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE, UFFICIO V –MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE

(...)

OGGETTO: Malattia da virus Ebola, Africa Occidentale – aggiornamento 27 Agosto 2014

 

Epidemiologia e sorveglianza

Il 26 Agosto, il Ministero della Salute della Repubblica Democrtaica del Congo(DRC) ha notificato all’OMS un focolaio di virus Ebola nella provincia Equater.

Il caso indice è una donna incinta, che risiedeva nel villaggio Ikanamongo, che aveva macellato un animale selvatico ucciso dal marito. Ha manifestato i sintomi dell’ebola e si è recata in una clinica privata nel villaggio Isaka. L’11 agosto è morta a causa di una febbre emorragica non identificata.

I costumi locali (non è ammesso seppellire donne con i loro feti e, pertanto, è stato effettuato un cesareo post-mortem per estrarre il feto) e le usanze funerarie, hanno fatto si che anche altri operatori sanitari siano stati esposti al virus e abbiano manifestato i sintomi la settimana successiva.

Tra il 28 luglio e il 18 agosto 2014, sono stati identificati un totale di 24 casi sospetti di febbre emorragica, inclusi 13 decessi.

E’ stata stabilita la trasmissione interumana, che ha coinvolto il personale sanitario esposto durante l’intervento chirurgico (un medico e due infermieri) oltre all’igienista e un ragazzo del reparto, i quali hanno sviluppato i sintomi e sono morti.

Altri decessi sono stati registrati tra i parenti che hanno assistito il caso indice, persone che erano in contatto con il personale medico e coloro che hanno manipolato i corpi durante il funerale. Gli altri 11 casi sono attualmente trattati in isolamento.

I campioni sono stati inviati in laboratorio a Kinshasa e Gabon per la conferma e l’identificazione del ceppo.

Il caso indice e gli 80 contatti non hanno storie di viaggi nei paesi affetti da EVD nell’Africa nord-occidentale (Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone) o storie di contatti con soggetti provenienti da aree infette. Allo stesso tempo, si ritiene che l’epidemia nella Repubblica Democratica del Congo sia non correlata a quella attualmente in corso in Africa occidentale.

 

Risposta settore Salute

Il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha inviato un team di esperti per monitorare e valutare la situazione. Il contact-tracing è iniziato e 80 persone sono attualmente in follow-up.

Il trattamento dei pazienti sta continuando e sono in atto misure di prevenzione e controllo supportate dall’OMS con la consegna al personale sanitario di dispositivi individuali di protezione.

L’OMS sta continuando a monitorare la situazione con il Governo della Repubblica Democratica del Congo in attesa di ricevere la conferma del ceppo dal laboratorio. Un team di risposta rapida è pronto ad implementare ed assistere la Repubblica Democratica del Congo, se necessario. Questo è la settima epidemia di Ebola nell’ex Zaire dal 1976.

L’OMS non raccomanda restrizioni commerciali o a viaggi, tranne nei casi in cui un soggetto sia stato confermato o sia fortemente sospettato di essere affetto da EVD o abbia avuto contatti con casi di EVD (i contatti non includono operatori sanitari adeguatamente protetti e personale di laboratorio).

Le Raccomandazioni temporanee del comitato di emergenza relative alle azioni da intraprendere da parte dei Paesi possono essere consultate all’indirizzo: http://who.int/mediacentre/news/statements/2014/ebola-20140808/en/

______

Sig.ra Alessia Rapiti / P. IL DIRETTORE DELL’UFFICIO V, * F.to Stefania Iannazzo, *“firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del d. Lgs. N. 39/1993”

-

--------

lunedì 25 agosto 2014

#Malattia da virus #Ebola, #Africa Occidentale – #aggiornamento del 22/8/14 (Min. Salute / OMS, 25/8/14, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, documento PDF completo: (LINK). Basato su testo originale in Inglese pubblicato sul sito web dell’OMS. Adattato.]

0023362-25/08/2014-DGPRE-COD_UO-P

MINISTERO DELLA SALUTE, DIPARTIMENTO DELLA SANITA’ PUBBLICA E DELL’INNOVAZIONE, DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE, UFFICIO V –MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE

(...)

 

OGGETTO: Malattia da virus Ebola, Africa Occidentale – aggiornamento 22 Agosto 2014

Epidemiologia e sorveglianza

Tra il 19 e il 20 agosto 2014 sono stati segnalati, in totale, 142 nuovi casi di malattia da virus Ebola (confermati, probabili e sospetti) e 77 decessi da Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone.

 

Risposta settore Salute

L'OMS è stato interrogato circa l'originale preventivo delle risorse finalizzate alla risposta all'evento e il nuovo prospetto di risorse, in corso di revisione da parte dei partner.

L'aumento delle risorse necessarie da investire è determinato dal miglioramento delle informazioni e della comprensione di ciò che sta accadendo nei paesi colpiti.

La nuova stima dei costi è calcolata sulla base di un modello di unità di costo, costruito per le zone in cui e' maggiore la trasmissione della malattia, e riflette i costi operativi medi, basati sulla situazione attuale dei paesi colpiti. Le principali ipotesi per le stime dei costi saranno rese noti verso la fine della settimana prossima.

L’OMS continua a ricevere segnalazioni di casi sospetti da paesi di tutto il mondo e sono attualmente in corso verifiche. I paesi sono incoraggiati ad impegnarsi in attività di sorveglianza e preparazione attiva.

Ad oggi nessun nuovo caso è stato confermato al di fuori della Guinea, Liberia, Nigeria o Sierra Leone.

L’OMS non raccomanda restrizioni commerciali o a viaggi, tranne nei casi in cui un soggetto sia stato confermato o sia fortemente sospettato di essere affetto da EVD o abbia avuto contatti con casi di EVD (i contatti non includono operatori sanitari adeguatamente protetti e personale di laboratorio).

Le Raccomandazioni temporanee del comitato di emergenza relative alle azioni da intraprendere da parte dei Paesi possono essere consultate all’indirizzo: http://who.int/mediacentre/news/statements/2014/ebola-20140808/en/

 

Casi confermati, probabili e sospetti e decessi per malattia da virus Ebola in Guinea, Liberia, Nigeria e Sierra Leone al 20 agosto

[Nuovi – Confermati – Probabili – Sospetti – Totale]

  • Guinea
    • Casi – 28 – 443 – 139 – 25 – 607
    • Decessi – 10 – 264 – 139 – 3 – 406
  • Liberia
    • Casi – 110 – 269 – 554 – 259 – 1082
    • Decessi – 48 – 222 – 267 – 135 – 624
  • Nigeria
    • Casi – 1 – 12 – 0 – 4 – 16
    • Decessi – 1 – 5 – 0 – 0 – 5
  • Sierra Leone
    • Casi – 3 – 804 – 40 – 66 – 910
    • Decessi – 18 – 353 – 34 – 5 – 392
  • Totale
    • Casi – 142 – 1528 – 733 – 354 – 2615
    • Decessi – 77 – 844 – 440 – 143 – 1427

____

I nuovi casi sono stati segnalati tra il 19 e il 20 agosto 2014

_______

Sig.ra Alessia Rapiti / IL DIRETTORE DELL’UFFICIO V, * F.to Maria Grazia Pompa, *“firma autografa sostituita a mezzo stampa, ai sensi dell’art. 3, comma 2, del d. Lgs. N. 39/1993”

-

--------

giovedì 21 agosto 2014

#Aggiornamento del #Ministero della #Salute su #Ebola (Min. Sal, 21/8/14, adattato)

[Fonte: Ministero della Salute, pagina originale: (LINK). Adattato.]

Aggiornamento del Ministero della Salute su Ebola

Continua l’attività di vigilanza, secondo i protocolli previsti dalle circolari ministeriali ed in linea con le raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, nei confronti di una possibile introduzione del virus Ebola nel nostro Paese, che vede impegnati gli Uffici di sanità marittima aerea e di frontiera del Ministero della Salute e tutte le strutture del Servizio Sanitario Nazionale, sotto il coordinamento del Ministero.

Inoltre, il 13 agosto è stata emanata una ulteriore Circolare, inviata alle Regioni e ad alle altre Istituzioni interessate, contenente indicazioni per la segnalazione e gestione di eventuali casi sospetti di Malattia da Virus Ebola (MVE), in cui si ribadisce sostanzialmente quanto già previsto dal D.M. 15/12/1990 “Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive” e dalla Circolare del 16 ottobre 2006 “Febbri Emorragiche Virali (FEV) - Raccomandazioni e indicazioni per il trasporto”.

Sebbene il numero di casi nei 4 Paesi dell’Africa occidentale interessati dall’epidemia sia ancora in crescita – dall’inizio dell’epidemia al 16 agosto si registrano, complessivamente, 2240 casi tra confermati, probabili e sospetti - anche l’impegno dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dei diversi partner si è rafforzato, per impedire la diffusione del virus oltre che per assistere le popolazioni colpite, anche per mezzo della distribuzione  di cibo e altri generi di prima necessità per ridurre al minimo i movimenti della popolazione  nelle zone poste in quarantena.

Nessun caso sospetto di Ebola è stato segnalato al Ministero della Salute, nonostante la sorveglianza accresciuta.

_____

Data di pubblicazione: 21 agosto 2014, ultimo aggiornamento 21 agosto 2014

-

------